Racchette da neve

 

 
 


Naturale proseguimento dell'escursionismo estivo, le camminate con racchette da neve, le ampezzane “ciaspes”, costituiscono una semplice ma splendida attività che apre alla scoperta della montagna innevata, permettendo di addentrarsi nel cuore della natura bianca e incontaminata. Non sono richieste né caratteristiche tecniche, né doti fisiche particolari: la grande accessibilità è uno dei motivi del grande successo che sta riscuotendo questa semplice attività del “camminare”. Specialmente nell’affrontare alcuni tracciati è utile e necessario conoscere e sapersi destreggiare in sicurezza sui vari tipi di neve e pendii. Tra i percorsi battuti tutto l’anno e quindi ideali per le ciaspe, segnialiamo i sentieri che portano da Sant’Umberto a Malga Ra Stua, dalla strada per Passo Falzarego al Rifugio Dibona, da Cian Zopé al Rifugio Scoiattoli, da Campo al Rifugio da Croda da Lago, Da Guargnè/Col Tondo al Rifugio Mietres  da località Campo al Rifugio Lago d’Ajal. 


Guide Alpine e Naturalistiche



Note: per i percorsi che incrociano le piste di fondo fare attenzione a non rovinare i tracciati costeggiandoli.




RICERCA
PERCORSI
Parole:


(vengono ignorate parole con meno di quattro caratteri)



Percorsi

Ciaspe Cascate di Fanes
Ciaspe Cascate di Fanes
Alle porte della Valle di Fanes, ci s’imbatte in una cascata d'acqua di 90mt, (la più alta delle Dolomiti) contornata da colate di ghiaccio che scendono fino alla base del torrente "Ru de Fanes".
Ciaspe Castello di Podestagno
Ciaspe Castello di Podestagno
L'origine dell'antico insediamento di Podestagno, la cui storia è ben descritta su tabelle lungo il percorso, non è documentata. Si suppone che la prima costruzione sia stata eretta nel 600 dai Longobardi, probabilmente allo scopo di controllare le tre valli che accedono a Cortina: quella verso Ospitale, di Ra Stua, e quella della Val del Boite. Dati certi sull’antica costruzione risalgono al 1077 con la donazione dell'imperatore Enrico IV al patriarca di Aquilea.
Ciaspe Cinque Torri
Ciaspe Cinque Torri
Il giardino di guglie e rocce dei cortinesi è una meta classica ed irrinunciabile, anche dopo l’ennesima visita. Sempre diverso ma inconfondibile, anche d’inverno il castello incantato delle Cinque Torri non mancherà di stupire.

Ciaspe Col Cuco
Ciaspe Col Cuco
Per boschi di abeti e larici una lunga traversata che da Passo Tre Croci si avvicina al solitario regno del Sorapis.
Ciaspe Col de Varda
Ciaspe Col de Varda
Bel giro ad anello di media difficoltà, che partendo ai piedi del Col de Varda offre scenari incantevoli sul sottostante lago di Misurina, sui Cadini di Misurina, le Marmarole, il Sorapis ed il Cristallo.
Ciaspe Col dei Bois Basso
Ciaspe Col dei Bois Basso
Classico percorso alla base delle pareti che costeggiano le Torri del Falzarego e del Col dei Bois, contrafforti delle magnifiche Tofane. Uno dei sentieri storici della Ia Guerra mondiale ora base di partenza degli arrampicatori per le vie delle Torri.

Ciaspe Galleria del Lagazuoi
Ciaspe Galleria del Lagazuoi
Nella Prima Guerra Mondiale il Piccolo Lagazuoi fu al centro di quell’incredibile battaglia, unica nel suo genere, conosciuta come ‘la guerra delle mine’. Scavando la montagna, a suon di mine e piccone, gli eserciti italiano e austriaco realizzarono straordinarie gallerie che, oltre a servire come postazioni per mitragliatrici e cannoni, avevano soprattutto lo scopo di raggiungere le postazioni nemiche per farle saltare in aria. Ben 5 mine esplosero sul Lagazuoi lasciando segni indelebili nel paesaggio. Ora, dopo vari lavori di ricostruzione, in un'area circoscritta del Piccolo Lagazuoi si possono ripercorrere queste lunghe gallerie, e rivisitarle in inverno è un’esperienza davvero da non perdere.
Ciaspe Giro
Ciaspe Giro "De Antruiles"
Tra la Croda De r’Ancona e il Taburlo questa facile passeggiata ad anello penetra nel cuore del Parco naturale delle Dolomiti d’Ampezzo. E fa conoscere i "casoni" delle “Regole di Cortina”, la millenaria istituzione per l’uso, collettivo ed indiviso, del territorio ampezzano da parte delle famiglie originali. Un consorzio che, dall’epoca dei primi insediamenti stanziali, rappresenta il fondamento storico e culturale dei cortinesi, ed ha permesso la savaguardia del loro splendido territorio.
Ciaspe Giro
Ciaspe Giro "De Sotecòrdes"
Classico percorso che dalla strada del Passo Falzarego sale verso la parete sud della Tofana di Rozes. Una delle montagne simbolo di Cortina la cui cima, a 3225m, si suppone sia stata raggiunta per la prima volta, nel 1864, dal famoso alpinista viennese P. Grohmann, con le guide ampezzane, F. Lacedelli, A. Dimai e S. Siorpaes.


<  1 | 2 | 3 | 4   >