Via Ferrata Marino Bianchi

Breve ma interessante e panoramico percorso di cresta che, sfiorando i 3000 metri di quota, dalla forcella Staunies conduce alla Cima del Cristallo di Mezzo. La via, attrezzata con funi fisse e scalette, è molto frequentata e si percorre in salita e discesa. Da Cortina per la SS 48 del Passo Tre Croci fino alla Capanna Rio Gere e al parcheggio della stazione di valle della Seggiovia Son Forca (1698m) al Cristallo. Con la seggiovia fino al Rifugio Son Forca e da qui con cabinovia alla forcella Staunies (2919m). Dalla stazione superiore della cabinovia in breve per sentiero al Rif. Guido Lorenzi (2932m), dalla cui piattaforma hanno inizio le prime corde fisse della ferrata. Le prime corde fisse salgono sulla cresta per portarsi più innanzi sul lato nord est e traversare quindi sotto la Cima Nord. Si continua poi in discesa, per una stretta gola, fino ad una incassata forcella che fa da spartiacque a ripidi canaloni. L’ambiente è severo e, data la quota e l’esposizione, occorre far attenzione alla presenza di tratti ghiacciati. Si risale, e superati con scale fisse due verticali pareti divise da cengie, si perviene al punto più difficile della salita: un liscio canalino fessurato di una decina di metri di altezza e leggermente strapiombante. Superato il faticoso passaggio chiave, che richiede un buon uso della fune fissa e delle tecnica di salita, si prosegue più facilmente per cresta, prima in piano quindi, superando gli ultimi gradini, si raggiunge l’ometto della panoramica vetta del Cristallo di Mezzo (3163). Per la stessa via attrezzata di salita si ritorna al Rifugio Guido Lorenzi.

 

CARATTERISTICHE
Dislivello: 480 m

Tempo di percorrenza: 4 h

Periodo consigliato: Da fine maggio ad ottobre, a seconda delle condizione d’innevamento.

Punti d'appoggio: Rifugio Guido Lorenzi Rifugio Son Forca

Difficoltà: media

Materiali: Normale dotazione da ferrata. Prevedere attrezzatura da neve ad inizio stagione.

Note: Itinerario classico di media difficoltà, molto frequentato. Occorre far attenzione alla neve e al ghiaccio che possono, vista l’esposizione e l’altezza, essere presenti anche nella stagione estiva.